Passaggio generazionale

Il processo di ricambio generazionale inizia quando i fondatori diventano consapevoli di volere passare la propria attività ai propri figli e/o parenti. Questo processo è più complicato se nell’organizzazione sono presenti più rami della famiglia (fratelli, figli, nipoti ecc). È una fase che dura molti anni e serve una preparazione adeguata per tutti gli attori coinvolti.

 

Elaboriamo con la Proprietà percorsi mirati e personalizzati di affiancamento nella gestione di tutte le fasi del passaggio generazionale descritte di seguito.

 

Le Fasi del Passaggio Generazionale:

1. avvio delle attività preparatorie e pianificazione della successione: si progettano i tempi e le modalità della successione, avviando anche attività trasversali all’intero processo quali la gestione delle relazioni e delle attività di comunicazione con familiari e membri esterni alla famiglia;

2. formazione del(i) potenziale(i) erede(i): si individuano i candidati potenziali alla successione e si svolgono le attività di formazione e training necessarie per svilupparne le capacità e responsabilizzarli, coerentemente con i criteri e gli obiettivi stabiliti in fase di pianificazione;

3. selezione del(i) successore(i): valutazione dei candidati potenziali e scelta di  colui o coloro che sarà(saranno) il(i) nuovo(i) leader del FB;

4. chiusura del processo di successione: realizzazione delle attività che permettono la conclusione del processo di successione, che avviene con l’abbandono della leadership da parte del predecessore in favore del(i) successore(i). Tale fase può essere articolata in due sottofasi:

4.1. trasferimento della leadership, in cui il successore assume la leadership effettiva del FB dopo un periodo di collaborazione al vertice con il predecessore;

4.2 riorganizzazione aziendale, durante la quale avvengono una serie di modifiche alla struttura del FB, riguardanti principalmente gli aspetti di governance e il suo assetto proprietario-organizzativo (Azzone e Bertelè, 2004), al fine di permettere al nuovo successore di esercitare al meglio la propria leadership e consentire al FB di assumere la configurazione ottimale in funzione della nuova distribuzione dei poteri in capo al successore.

 

Fonte: Gestire la successione nei family business analisi di alcuni casi italiani di Vittorio Chiesa, Alfredo De Massis, Marta Lina Pasi

 

Di solito durante il passaggio agli eredi c’è un periodo di transizione dove convivono nell’azienda la “vecchia” generazione e quella nuova. In questa fase (che può essere molto lunga) è di fondamentale importanza impostare un sano dialogo tra gli attori coinvolti.

 

È frequente che si innescano dinamiche conflittuali fra i membri della famiglia che convivono all’interno dell’azienda. Il coach aiuta a superare questa criticità.

 

Le Tipologie di Passaggi Generazionali:

1. con un solo successore impegnato nella gestione;

2. con più successori;

3. con gestione affidata a un manager non familiare;

4. con riassetti proprietari (ed eventuale intervento di soci non familiari);

5. con vendita dell’azienda;

6. inaspettato: la gestione dell’imprevisto (ex decesso dell’ imprenditore).

 

Le Condizioni di Successo del Ricambio Generazionale:

  • Distinguere l’Impresa dalla Famiglia
  • Applicare un sistema di governance moderno
  • Valutare le competenze più dell’appartenenza
  • Definire le regole condivise per il cambiamento
  • Pianificare l’obiettivo e il processo